Milano-Cortina Olimpiadi 2026 e Matera

Milano-Cortina Olimpiadi 2026 e Matera

di Umberto Agliastro

La stagione dell’Expo 2015 è stata un’ondata straordinaria di novità e poi di risultati.
Milano oggi è  anche solida città turistica.                                                                                                           

I numeri Istat pareggiano turisti in Lombardia con quelli del Lazio. I rapidi sfrecciano da Napoli a Firenze, Bologna, Milano, Torino, Venezia in un continuo susseguirsi di treni e last minute.

Un’Italia innovata malgrado i media si soffermino   su un oggi solo di negatività o sugli opposti.                                                                                                                                                                       
Il turismo nazionale  viaggia ad un +2,8% ed ha superato i cugini francesi in presenze turistiche (ENIT). L’APC sdogana la Gold Card e sottolinea validissimi numeri a livello europeo.  Ma il  Plain Air  continua a vivere un mondo a se, nella pretesa del diritto al proprio spazio, essenzialmente  nelle festività comandate.  Fuori da questi periodi  non riesce  a far  aprire soste che stimolino presenze per tutto l’anno.

A Matera ci andrò!!!  Anche se è prigioniera di un Meridione in emergenza educazionale,  crisi demografica ed economica, depauperato nel capitale umano, con una percentuale giovanile sotto la media culturale nazionale , con scarso ricorso a fondi strutturali europei  (si dice il 5% dello stanziamento), pur avendo dietro l’angolo un turismo di qualità, e disponendo di una rete di medie piccole imprese per  attività  di altissimo livello, agricoltura compresa.                                                                                                        
Inoltre chi va   a Matera, deve sapere che il viaggio è lungo con  a monte “la scelta di volerci andare”. Scoprendo però  che le regioni limitrofe nulla hanno fatto per promuovere con propri servizi un sostegno all’iniziativa materana.  A Matera mancano i supporti, le sinergie delle regioni limitrofe il cui fine turistico non va oltre al  fatidico concetto del mare blu “da metà Aprile a metà Settembre”…….                                                                                                                                                A Pasqua  in Calabria ed in Sicilia   aree e campeggi chiusi , molti  cartelli di divieto di sosta per camper a danno di tutti. Compreso il nuovissimo porto Turistico di Capo d’Orlando,  con  immensi posteggi per auto (vuoti) ma con grandi  cartelli di divieto al camper , salvo tacita tolleranza. Magari con un po’ di lungimiranza  si poteva fare sinergia fra “cabinati“ di mare e di terra, in fondo i servizi di base  sono i medesimi.    Un modo anche per dettare nuove regole  in un territorio di cui spesso certamente si abusa……ma per eccesso di divieti .                                                                                                                       Milano e Cortina 2026 hanno vinto (questo va detto) , dialogheranno senza fatalismi attingendo alle proprie vocazioni, alla determinazione nell’investire  alle  solide tradizioni e  strutture , alla certezza di quanto seminato negli anni  precedenti, alle sinergie  ed alla capacità di cambiare marcia.  Al saper essere esempio.

Il direttore Stella una volte disse che basterebbe coordinare  e comunicare i tanti eventi che l’Italia a livello di comuni e regioni sa proporre, per valorizzare al meglio il nostro Turismo che, non dimentichiamolo, ha un mosaico infinito di opportunità. A Livigno, un albergatore mi disse che era stato nel Trentino per imparare. E  il nostro settore certo del suo “Metà Aprile e Metà Settembre”,  avrebbe ampi spazi sinergici su cui lavorare !!!

Lascia un commento

*