Swift e Airstream ragioniamoci un attimo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
swift

di Luca Stella

I lettori di Newscamp.info oggi hanno appreso della collaborazione del grande gruppo Swift con il prestigioso marchio di caravan Airstream. La distribuzione da parte di Swift per il mercato britannico della caravan americane per antonomasia è attivo a partire dal giorno 20 del mese di marzo, difatti i mensili dedicati alle roulotte e che ne capiscono davvero della materia sono oggi in edicola con questa notizia ed è per questo che oggi usciamo anche noi, sebbene la si dava per scontata già da diverso tempo.

Una notizia che ha diverse chiavi di lettura, vediamo di approfondire:

1) l’entusiasmo non basta, anzi

Il precedente distributore Airstream in Gran Bretagna amava quelle caravan, era un entusiasta utilizzatore. Non basta.
Oggi fare impresa significa conoscere la materia e disporre di una rete qualificata e qualificante di manager e di concessionari.
Il gruppo Swift è oggi il più importante produttore di camper, caravan e case mobili del Regno Unito e quindi garantisce non già entusiasmo, ma professionalità, determinazione e concretezza; doti indispensabili per permettere ad Airstream di essere degna delle quote di mercato che le dovrebbero essere degne e vedremo già nei prossimi mesi che così sarà.

2) la Brexit

Ogni giorno in Italia si leggono articoli sulla Brexit, parlandone in chiave negativa. Basta attraversare il confine e in Svizzera ci sono quotidiani in lingua italiana che sulla medesima materia forniscono una lettura opposta. A parte la propaganda, la realtà è che oggi per ogni azienda che dichiara (attenzione, dichiara) di voler uscire dal Regno Unito causa Brexit ce ne sono altre quattro che invece, concretamente entrano.

Nel nostro comparto abbiamo assistito prima a un ingresso in Gran Bretagna del gruppo Trigano, che già aveva Autotrail, e che oggi controlla Marquis, ossia la rete di concessionarie più articolata in Inghilterra, e poi Autosleeper, il papà di tutti i camper monoscocca del mondo (nel 1962 lanciarono il primo).

Poi abbiamo appreso dell’acquisto da parte dell’Herwin Hymer Group del gruppo Elddis, il secondo del Regno, dopo Swift.

In questo modo Swift dice a tutti che se la Gran Bretagna è terreno per qualcuno di conquista, per lei lo è l’Europa, visto che Airstream UK era anche distributore capo per tutto il Continente e oggi dunque Swift ha un piede in Europa serio e credibile.

3) cambiano gli accordi?

Tutti sanno che il gruppo cui fa capo Airstream, ossia il più grande produttore al mondo di camper, di caravan  edi case mobili da tempo ha un accordo segreto (che però conosciamo tutti) con un produttore europeo, a una determinato punto, arriveranno gli americani e i giochi saranno fatti.

Questo accordo con Swift però cambia tutto, facendo saltare accordi pregressi. Significa che i giochi in Europa non sono ancora fatti, anzi, tutti ancora là da venire.

Staremo a vedere.

Nel frattempo godiamoci la foto a corredo diquesto editoriale e non poteva che essere questa. Chi ne capisce di caravan, avrà capito; gli altri se lo facciano spiegare da chi ne capisce.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.

Ultime notizie

Editoriale