Quando nascette Ninno…

Quando nascente Ninno...

di Umberto Agliastro

Negli ultimi mesi Newscamp.it ha dato  temi al mondo del Plein Air suggerendosi con  formule di coinvolgimento e di responsabilità, e, nella figura di Luca Stella,  propositore di riflessioni attraverso  confronti con  altre testate, cartacee e non.
                                                                                                                                                                      Il Plein Air è uno strano mondo  individualistico  e  l’autonomia dell’abitar viaggiando, al di là del mezzo, ci rende  “convinti” e poco propensi al confronto.  Le associazioni esistono, più per preservare questa autonomia e farla riconoscere che per assurgere a realtà integrata nel turismo.

Così i gestori delle aree di sosta che esistono per proprie e  spontanee capacità imprenditoriali sono spesso lontani  dall’applicare standard di accoglienza omogenei… …Campeggi e alberghi se non la ristorazione rispondono alla regola delle stelle e queste  determinano  l’aspettativa di  livello qualitativo dell’accoglienza.

L’area  , al di là di una democratica applicazione di tariffe di sosta (mediamente  € 20 per quelle private) è una sorta di proposta spesso “creativa” e “disomogenea”.
                                                               
Ovunque per l’Italia ci sono  tantissime soste, private o comunali , in città,  in campagna, in zone di pellerinaggio religioso, al mare, ai monti, ai laghi, sui fiumi, in zone termali, le viviamo come risorsa del momento, ma molto spesso, a posteriori, ne censiamo i limiti.

Non esiste una mappa certa di queste realtà se parliamo dell’estate, tutte sono aperte, ma i problemi si presentano quando si è fuori stagione.  Mediamente si apre ad  Aprile e si chiude a Settembre… …e per chi viaggia nell’anno spesso sosta per buona concessione di vigili o carabinieri od in “libera”.

Perché si chiude? La risposta è perché non c’è più turismo! Ci si domanda se non si percepisce il turismo perché le aree di sosta sono chiuse !!!                                                                                                                                 

Da dire che quest’anno si è incentivato un turismo regionale, ma poche le regioni dove alcune aree si consorziano proponendosi per tutto l’anno e segnalandosi l’una con l’altra.

Stranamente in periodo di Covid  le abitudini non sono cambiate… …a metà settembre si chiude!

Che strano in un mondo dove operatori turistici  chiedono maggiori aperture , le aree sosta camper o campeggi chiudono!!!                                                                                                                                                                                              

Non so cosa avverrà a Natale con gli ultimi  Dpcm, non vorrei che per il camperista o caravanista ci sia un percorso come per il Bambinello accolto poi in una mangiatoia… …e che  l’unica “Stella” sia quella di… …Luca!!                                                                                                                                                                                    
Per tanto, segnalo questa area camper  (https://www.campodeirocchi.it/site/):  del loro “siamo chiusi, ecc, ecc …”, non  conosco i motivi e  mi spiacerebbe diventasse il refrain di molti.                                                   

Google ha lanciato un Doodle  il 1 dicembre  (il più letto al mondo di quel giorno) “Sarà sicuramente un Natale diverso: con restrizioni, misure anti-contagio e anti-assembramento per via dell’emergenza coronavirus. Ma ci saranno comunque i regali, le Messe, le vacanze dalla scuola e la possibilità di stare in famiglia, come ogni anno. Dicembre, nonostante tutto, resterà comunque il mese di Natale”.

Quando Nascette Ninno” è una bellissima nenia  Natalizia  della Campania (c’è anche una versione di Mina), una regione che sa fondere laicità  e Fede rendendo il Natale  una festa per tutti e recuperandola al significato originario della nascita di Gesù.

Si viaggia tutto l’anno , e quando si viaggia fuori stagione  si gradirebbe   la certezza di una sosta… …questo è un  settore che, proprio di fronte ad una “crisi” , sta dimostrando di potenzialmente  saper   cogliere delle opportunità… …e queste, oltre alle capacità imprenditoriali, passano  dalla disponibilità all’accoglienza.

Buon Natale e buon anno a Newscamp.it  ed ai suoi lettori .

Lascia un commento

*