Quando nascette Ninno…

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Quando nascente Ninno...

di Umberto Agliastro

Negli ultimi mesi Newscamp.it ha dato  temi al mondo del Plein Air suggerendosi con  formule di coinvolgimento e di responsabilità, e, nella figura di Luca Stella,  propositore di riflessioni attraverso  confronti con  altre testate, cartacee e non.
                                                                                                                                                                      Il Plein Air è uno strano mondo  individualistico  e  l’autonomia dell’abitar viaggiando, al di là del mezzo, ci rende  “convinti” e poco propensi al confronto.  Le associazioni esistono, più per preservare questa autonomia e farla riconoscere che per assurgere a realtà integrata nel turismo.

Così i gestori delle aree di sosta che esistono per proprie e  spontanee capacità imprenditoriali sono spesso lontani  dall’applicare standard di accoglienza omogenei… …Campeggi e alberghi se non la ristorazione rispondono alla regola delle stelle e queste  determinano  l’aspettativa di  livello qualitativo dell’accoglienza.

L’area  , al di là di una democratica applicazione di tariffe di sosta (mediamente  € 20 per quelle private) è una sorta di proposta spesso “creativa” e “disomogenea”.
                                                               
Ovunque per l’Italia ci sono  tantissime soste, private o comunali , in città,  in campagna, in zone di pellerinaggio religioso, al mare, ai monti, ai laghi, sui fiumi, in zone termali, le viviamo come risorsa del momento, ma molto spesso, a posteriori, ne censiamo i limiti.

Non esiste una mappa certa di queste realtà se parliamo dell’estate, tutte sono aperte, ma i problemi si presentano quando si è fuori stagione.  Mediamente si apre ad  Aprile e si chiude a Settembre… …e per chi viaggia nell’anno spesso sosta per buona concessione di vigili o carabinieri od in “libera”.

Perché si chiude? La risposta è perché non c’è più turismo! Ci si domanda se non si percepisce il turismo perché le aree di sosta sono chiuse !!!                                                                                                                                 

Da dire che quest’anno si è incentivato un turismo regionale, ma poche le regioni dove alcune aree si consorziano proponendosi per tutto l’anno e segnalandosi l’una con l’altra.

Stranamente in periodo di Covid  le abitudini non sono cambiate… …a metà settembre si chiude!

Che strano in un mondo dove operatori turistici  chiedono maggiori aperture , le aree sosta camper o campeggi chiudono!!!                                                                                                                                                                                              

Non so cosa avverrà a Natale con gli ultimi  Dpcm, non vorrei che per il camperista o caravanista ci sia un percorso come per il Bambinello accolto poi in una mangiatoia… …e che  l’unica “Stella” sia quella di… …Luca!!                                                                                                                                                                                    
Per tanto, segnalo questa area camper  (https://www.campodeirocchi.it/site/):  del loro “siamo chiusi, ecc, ecc …”, non  conosco i motivi e  mi spiacerebbe diventasse il refrain di molti.                                                   

Google ha lanciato un Doodle  il 1 dicembre  (il più letto al mondo di quel giorno) “Sarà sicuramente un Natale diverso: con restrizioni, misure anti-contagio e anti-assembramento per via dell’emergenza coronavirus. Ma ci saranno comunque i regali, le Messe, le vacanze dalla scuola e la possibilità di stare in famiglia, come ogni anno. Dicembre, nonostante tutto, resterà comunque il mese di Natale”.

Quando Nascette Ninno” è una bellissima nenia  Natalizia  della Campania (c’è anche una versione di Mina), una regione che sa fondere laicità  e Fede rendendo il Natale  una festa per tutti e recuperandola al significato originario della nascita di Gesù.

Si viaggia tutto l’anno , e quando si viaggia fuori stagione  si gradirebbe   la certezza di una sosta… …questo è un  settore che, proprio di fronte ad una “crisi” , sta dimostrando di potenzialmente  saper   cogliere delle opportunità… …e queste, oltre alle capacità imprenditoriali, passano  dalla disponibilità all’accoglienza.

Buon Natale e buon anno a Newscamp.it  ed ai suoi lettori .

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.