Per Reuters periodo d’oro per i Veicoli Ricreazionali negli USA

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Per Reuters periodo d'oro per i Veicoli Ricreazionali negli USA

La celebre e prestigiosa agenzia Reuters ha pubblicato una nota relativa all’andamento del mercato Veicoli Ricreazionali, quindi carrelli-tenda, caravan e camper, negli USA.

Leggendo la nota, si scopre di come l’industria dei veicoli ricreazionali yankee ha fatto ciò che molte aziende hanno fatto di fronte alle epiche carenze di quest’anno e all’aumento dell’inflazione: ha sfornato più prodotti e fatto più soldi che mai.

Winnebago Industries ha, ad esempio, registrato entrate fiscali 2020 record a ottobre, in aumento di oltre il 50% rispetto all’anno precedente. Venerdì, 17 dicembre, si prevede di registrare il secondo trimestre consecutivo di vendite superiori a 1 miliardo di dollari e un aumento del 33% degli utili per azione, secondo le stime degli analisti compilate da Refinitiv.

THOR Industries, il più grande produttore al mondo, la scorsa settimana ha riportato risultati record per il primo trimestre fiscale dell’anno, pur rilevando che il suo arretrato alla fine di ottobre era di oltre 18 miliardi di dollari, un aumento del 100% rispetto a un anno fa.

Michael Happe, amministratore delegato di Winnebago, con sede a Forest City, Iowa, ha dichiarato in un’intervista che i rivenditori della sua azienda “sono stati in grado di ottimizzare i prezzi al dettaglio in un modo che non erano in grado di fare da molto, molto tempo“.

L’industria produce e spedisce più che mai.

Le spedizioni all’ingrosso di Veicoli Ricreazionali in Nord America dovrebbero raggiungere un record di 602.200 unità quest’anno, un aumento del 40% rispetto al 2020 e del 19% in più rispetto all’ultimo record raggiunto nel 2017, secondo un’analisi preparata per la RV Industry Association. L’analisi, di ITR Economics, prevede un aumento più contenuto del 2% nel 2022, a 613.700 unità.

Jon Ferrando, CEO di RV Retailer LLC – un rivenditore con sede a Fort Lauderdale, in Florida, con 90 punti vendita in 26 stati alla fine di quest’anno – ha affermato che materie prime più costose, insieme a costi di manodopera e di trasporto più elevati per spostare camper e roulotte attraverso il Paese dalle fabbriche ai suoi centri vendita – ha significato più aumenti di prezzo passati ai consumatori, piuttosto che i normali aggiustamenti una volta all’anno.
Certamente, quest’anno ci sono aggiustamenti dei prezzi più frequenti“, ha detto. Ma ha aggiunto che gli aumenti non hanno frenato l’appetito degli acquirenti.

Nella misura in cui abbiamo pressioni per aumentare i prezzi, i consumatori hanno una grande capacità di adattamento, capiscono la situazione e fine delle discussioni“, ha affermato.

A dire il vero, i cartellini dei prezzi sui Veicoli Ricreazionali variano ampiamente. Il rivenditore tipo vende di tutto, dai teardrop a forma di goccia da 10mila dollari fini ai camper diesel da 1 milione e oltre.

Jason Lippert, amministratore delegato di LCI Industries, il più grande fornitore di componenti per l’industria dei Veicoli Riceeazionali, ha affermato di aspettarsi che i problemi della catena di approvvigionamento continuino. Ma non vede l’aumento dei prezzi che ammorbidisce la domanda dei consumatori in tempi brevi.
Se sei un acquirente per la prima volta, non stai guardando ciò che avresti potuto acquistare nel 2018 o nel 2017“, ha detto. “Le persone che acquistano il loro secondo o terzo veicolo ricreazionale probabilmente penseranno un po’ di più al prezzo“.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.