Knaus Tabbert bilancio record nonostante le difficoltà nelle forniture

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Knaus Tabbert bilancio record nonostante le difficoltà nelle forniture

Knaus Tabbert AG, produttore leader nel settore autocaravan e caravan, ha presentato oggi, Martedì 30 Marzo, i dati relativi all’anno finanziario 2021.

Come già preannunciato, le consegne sono aumentate di un altro 6,5%, raggiungendo così il nuovo record fissato a quota 25.922 veicoli ricreazionali. A causa dei ben noti problemi della catena di approvvigionamento globale, il gruppo era ben lungi dall’essere in grado di realizzare il suo pieno potenziale di vendita. Di conseguenza elevato anche il portafoglio ordini di fine anno, con 32.398 unità per un valore di circa 1,3 miliardi di euro (2020: 18.736 unità per 640 milioni di euro).

L’anno finanziario 2021 ci ha messo di fronte a sfide considerevoli. Ad esempio, a causa della mancanza di telai, parti e componenti, non siamo stati in grado di raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi nel 2021 nonostante un numero record di veicoli prodotti“, ha commentato Wolfgang Speck, CEO di Knaus Tabbert, sull’ultimo anno finanziario. “Tuttavia, la domanda rimane elevata, come vediamo anche nei nostri ordini. Con un programma di investimenti completo, una base di fornitori più ampia per i telai e l’ottimizzazione delle catene di approvvigionamento, stiamo rafforzando costantemente la nostra flessibilità e resilienza alla crisi. Siamo quindi fiduciosi che saremo in grado di tradurre l’elevata domanda in consegne significativamente più elevate e in un aumento della redditività già nell’anno in corso 2022“.

A causa della situazione insoddisfacente dell’offerta, non è stato possibile sfruttare appieno il potenziale di vendita esistente per i camper. Tuttavia, sono state realizzate vendite totali per 862,6 milioni di EUR, con un aumento dell’8,6% rispetto al valore dell’anno precedente di 794,6 milioni di EUR. Il 69,2 % (anno precedente: 70,9 %) delle vendite è stato generato dai motorizzati (autocaravan e CUV) e il 27,9 % (anno precedente: 26,2 %) da roulotte. Circa il 3,0 % del fatturato è dovuto principalmente al settore dell’aftersales.

Per sfruttare al meglio le capacità produttive esistenti, Knaus Tabbert aveva occupato sempre più posti di produzione esistenti con la produzione di roulotte aggiuntive. Tuttavia, la mancanza di componenti in questo segmento di veicoli significava anche che un gran numero di veicoli poteva essere costruito ma non completamente finito. Ciò ha comportato una variazione delle scorte di veicoli finiti e non finiti di 19,1 milioni di EUR a fine anno rispetto al valore di 4,4 milioni di EUR dell’anno precedente.

I problemi nelle filiere e il conseguente sottoutilizzo delle capacità si riflettono anche nello sviluppo del risultato operativo. L’EBITDA dell’esercizio, rettificato degli oneri straordinari, è diminuito del 10,3% da 67,7 milioni di euro a 60,7 milioni di euro. Il margine EBITDA rettificato è stato del 7,0%, in linea con la previsione rettificata. Gli ammortamenti sono aumentati dell’8,3 % a causa dei maggiori volumi di investimento negli anni precedenti e sono ammontati a 21,1 milioni di EUR dopo 19,4 milioni di EUR.

La crescita del gruppo è stata trainata dai segmenti Luxury e Premium. I ricavi del segmento Premium nell’esercizio 2021 sono stati pari a 740,6 milioni di euro, in crescita del 7,8% rispetto all’anno precedente (687,3 milioni di euro). Al segmento Premium sono state attribuite 25.421 unità vendute (anno precedente: 23.897). L’EBITDA del segmento di 43,9 milioni di euro è stato del 17,6% inferiore al livello dell’anno precedente (53,2 milioni di euro). Nel segmento del lusso con il marchio Morelo, Knaus Tabbert ha registrato un fatturato di 501 unità (anno precedente: 452). I ricavi sono aumentati significativamente di 14,8 milioni di euro o del 13,8% a 122,0 milioni di euro. Anche l’EBITDA nel segmento del lusso è stato del 20,7% in più rispetto al dato dell’anno precedente di 12,8 milioni di euro a 15,4 milioni di euro.

Il bilancio è caratterizzato essenzialmente dagli investimenti futuri e dal backlog produttivo derivante dai problemi di filiera. Gli investimenti in immobili, impianti e macchinari sono aumentati significativamente a 41,2 milioni di euro (14,3 milioni di euro l’anno precedente). Gli incrementi delle immobilizzazioni immateriali includono investimenti in costi di sviluppo per 6,8 milioni di euro (4,8 milioni di euro l’anno precedente), che sono principalmente legati al nuovo sviluppo di caravan e camper. Nel caso dei camper, vanno menzionati in particolare i lavori di sviluppo di un camper elettrico – Knaus E‐Power Drive. Complessivamente le attività non correnti sono salite a 153,7 milioni di euro (anno precedente: 124,4 milioni di euro).

L’attivo circolante, pari a 190,3 milioni di euro, risultava superiore di 29,5 milioni di euro rispetto alla fine dell’esercizio precedente. Tale sviluppo è dovuto principalmente all’incremento delle rimanenze di 21,0 milioni di euro a seguito del significativo incremento dei veicoli finiti e non finiti. I crediti commerciali sono diminuiti del 34,3% a 6,9 milioni di euro nonostante un significativo aumento dei volumi di produzione. Ciò è dovuto, tra l’altro, all’elevata domanda di mercato e quindi alla buona situazione di liquidità derivante da un fatturato molto elevato di merci presso i concessionari del gruppo Knaus Tabbert.

Il patrimonio netto di bilancio del gruppo Knaus Tabbert a fine anno era di 133,3 milioni di euro (anno precedente 123,8 milioni di euro).

, che corrisponde a un’equity ratio del 38,9% (anno precedente: 43,3%). Le passività non correnti sono pari a 31,8 milioni di euro, 2,6 milioni di euro al di sotto del valore dell’anno precedente di 34,3 milioni di euro.

Le passività correnti di 179,0 milioni di EUR erano significativamente superiori alla cifra di 127,8 milioni di EUR dell’anno precedente. Ciò era dovuto all’aumento delle passività verso le banche per finanziare le maggiori scorte di veicoli e investimenti incompiuti.

Knaus Tabbert ha generato un flusso di cassa da attività operative di 27,0 milioni di EUR nell’esercizio 2021 (anno precedente: 71,0 milioni di EUR), dovuto principalmente all’aumento delle scorte alla data di riferimento del bilancio del 31 dicembre 2021. A EUR – 47,9 milioni, il flusso di cassa da attività di investimento è stato di 27,8 milioni di euro in più rispetto all’anno precedente (20,1 milioni di euro). Ciò è dovuto all’avvio del programma di investimenti annunciato con misure iniziali nelle sedi in Germania e Ungheria.
Proposta di dividendo di 1,50 euro per azione
Il Consiglio Direttivo e il Consiglio di Sorveglianza proporranno all’Assemblea Generale Annuale il pagamento di un dividendo di EUR 1,50 per azione. Ciò corrisponde a un totale di 15,6 milioni di EUR e quindi a circa il 60 % dell’utile netto consolidato dell’esercizio secondo gli IFRS.
Veduta
Il consiglio di amministrazione è estremamente positivo sull’esercizio 2022. Sulla base del portafoglio ordini di 1,3 miliardi di EUR a fine dicembre 2021 e degli effetti sempre più positivi della strategia di acquisto adeguata per i telai, si prevede una crescita significativa dei ricavi prima degli effetti dell’aumento dei prezzi. Gli aumenti di prezzo nei confronti dei rivenditori del gruppo Knaus Tabbert sono previsti in un intervallo compreso tra il 6 e l’8 percento nell’anno finanziario 2022 e sosterranno ulteriormente la crescita. La redditività, espressa dall’EBITDA rettificato e dall’EBITDA margin rettificato, continuerà a migliorare in modo significativo in linea con l’obiettivo di crescita dei ricavi e le conseguenti economie di scala.

Restano da vedere le ulteriori conseguenze della guerra tra Russia e Ucraina. La direzione di Knaus Tabbert sta monitorando attentamente gli sviluppi in Ucraina e i loro possibili effetti sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale del Gruppo e, se necessario, adotterà le misure appropriate. In tale contesto, la direzione ha anche deciso di emettere una qualificata previsione comparativa.

La previsione si basa anche sul presupposto che le condizioni quadro economiche globali e specifiche del settore, soprattutto per quanto riguarda l’ulteriore corso della pandemia di Covid 19 e un’espansione della guerra in Ucraina, non si deterioreranno in modo significativo rispetto alla pianificazione.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.