Israele cresce la voglia vivere in libertà

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Israele cresce la voglia vivere in libertà

E così, mentre i Figli di Israele vagavano nel deserto per 40 anni diretti in Terra Santa, vivendo in capanne, molte persone in tutto il mondo, inclusi alcuni israeliani, hanno portato questa idea a un nuovo livello e per motivi personali hanno deciso di vivere in case mobili così come in autocaravan o roulotte.

Sembra che questo fenomeno sia diventato ancora più diffuso dall’era COVID-19. La vita di così tante persone è stata capovolta e un certo numero di famiglie, non solo quindi di singoli, ha deciso di sfruttare questo sconvolgimento per lasciare le loro case permanenti e trasferirsi in case su ruote, viaggiando per il paese in modo da potersi sentire più a contatto con la natura.

Possiedo un appartamento a Kfar Ganim, ma amo la sensazione di vivere nella natura“, spiega Rami Gavaso. “Amo guardare il cielo stellato e non c’è niente come guardare l’alba mentre apri gli occhi al mattino. Ovunque ci troviamo, ci alziamo e prepariamo shakshuka“.

Ho appena compiuto 60 anni e questo è stato il regalo più grande che potessi pensare di farmi“.
Di quale regalo stiamo parlando esattamente?
Beh, ho comprato un vecchio autobus e l’ho trasformato in un veicolo abitativo. È completamente attrezzato come una vera casa. Posso decidere da un minuto all’altro di andare a Tiberiade, Eilat o in qualsiasi altro posto mi vada di andare. Io e la mia ragazza viaggiamo da un posto all’altro. Anche se non vivo nel mio appartamento, sono comunque responsabile della sua va’ad bayit (associazione degli inquilini) e riesco a occuparmi di eventuali problemi edilizi che si presentano. In effetti, una delle parti migliori del vivere in un camper è che non hai vicini!“.

“Amo stare nella natura e sentirmi connesso alla terra. Se fa caldo, saltiamo dentro e partiamo per Metulla. Quando fa freddo, guidiamo fino a Eilat. È una vita assolutamente gloriosa“.

Questo tipo di stile di vita si presta a molte avventure emozionanti. Subito dopo che Gavaso iniziò a viaggiare con il suo camper, si trovò in una situazione comica.
Durante la prima chiusura”, ricorda, “un poliziotto mi ha fermato e ha iniziato a interrogarmi, chiedendomi cosa stessi facendo fuori durante la chiusura. Gli ho detto: ‘Questa non è la mia macchina, è casa mia. Non mi sono mosso nemmeno di un metro da casa mia.’ Ha solo fatto un sorrisetto e mi ha fatto cenno di proseguire. Questa è stata la cosa migliore che mi sia capitata durante l’epidemia“.

Incontro così tante persone che mi dicono che gli piacerebbe vivere in una roulotte, ma dicono che sono troppo spaventate. Cerco di spiegare loro che non è un grosso problema e che è la decisione migliore che abbia mai preso“, afferma Rotem Haim Even, che ha vissuto a Eilat fino allo scoppio del COVID-19. “Io e la mia ex moglie avevamo un’attività di vendita di camper. Dopo che abbiamo divorziato, mi sono sentito davvero solo a vivere in casa. Ho un cane che mi tiene compagnia, ma non è servito a niente. Volevo uscire e vivere di più, invece di passare tutto il mio tempo a cercare di fare soldi. Mi sentivo come se stessi inseguendo la mia coda. Quindi, quando è arrivato il COVID-19, ho capito che era il momento giusto per fare un cambiamento drastico nella mia vita. Ho venduto la mia casa e ho comprato una roulotte».

All’inizio sembrava davvero piccolo e angusto, ma non potevo credere a quanto fossi fortunato a poterlo fare. Mi è piaciuto poter avere tutto ciò di cui avevo bisogno. È stato così divertente avere un lavandino, una doccia e un letto in un mezzo dotato di pannelli solari. Mi è piaciuto il fatto di poter andare in un posto nuovo ogni giorno e avere una nuova vista. E ho incontrato così tante persone incredibili che non avrei mai incontrato altrimenti, anche con quanto sia diventato facile incontrare persone sui social network.”

Come hanno reagito la tua famiglia e i tuoi amici nei confronti della tua nuova vita?

Non così bene. Non riuscivano a capire perché avrei venduto la mia casa e rinunciato alla comodità di vivere in una casa normale. Ma dopo aver visto quanto ero felice, che stavo sbocciando e quanti soldi stavo risparmiando, hanno cominciato ad accettarlo. Alcuni di loro hanno persino iniziato a pensare all’acquisto di una roulotte come la mia o di un camper“.

C’è abbastanza spazio per sette persone, quindi c’è molto spazio quando voglio portare i bambini con me in viaggio“, spiega. “E loro adorano questa vita. Li porto in un posto diverso ogni due settimane, dalla punta settentrionale di Israele fino alla punta meridionale. Ho un figlio dal mio primo matrimonio nel nord e gli altri miei figli sono a Eilat, quindi sono sempre in viaggio tra i due. E non c’è la TV, quindi passiamo molto tempo di qualità insieme. Quando sono a casa, ognuno di loro ha la propria camera da letto e adorano uscire da soli oppure stare dentro, con la porta chiusa. Quando siamo tutti insieme nel camper, è un’esperienza molto diversa“.

Non ti manca la comodità di vivere in una vera casa?

No, per niente. Perché dovrei aver bisogno di una TV quando posso uscire a Eilat vicino al mare? Ho un kayak e adoro nuotare con i delfini. Sono fiorito da quando ho lasciato la mia casa“.

Non mi sono trasferito nel mio camper perché non avevo un altro posto dove vivere o non potevo più permettermi il mio appartamento“, sottolinea Yehuda Herman, di Zayit Ra’anan, vicino a Dolev in Samaria, che ha iniziato a vivere nel suo camion allestito quando scoppiò il COVID-19.

Mi è sempre piaciuto viaggiare. Qualche anno fa mi sono imbattuto in un grande affare, questo camion, quindi l’ho comprato. Avevo studiato design a Bezalel e ho iniziato a usare il camion come studio d’arte per non sporcare la mia casa. Ma poi, quando è arrivata la pandemia, e ho capito come sarebbe stata la vita per il prossimo futuro, ho fatto il grande passo e ho trasformato il camion nella mia casa. Ho iniziato a lavorare a questo progetto il primo giorno del primo blocco di chiusura e l’ho completato appena in tempo per il secondo blocco“.

Quali sono i vantaggi di vivere in un camion allestito?

“È fantastico poter andare dove voglio. È come avere il mio B&B su ruote. La parete di fondo si apre su un balcone, ottimo in ogni stagione. Ho un tavolo pieghevole in rovere, che apro quando cucino e poi passo molto tempo a rilassarmi sul mio balcone”.

Quali sono gli svantaggi di vivere così?

Israele è un Paese di mentalità ristretta e eccessivamente burocratico, e poiché di notte non ci sono posti per parcheggiare i camper, spesso vengo cacciato da persone che abitano nelle vicinanze o da dipendenti comunali. Negli Stati Uniti, ci sono parcheggi per camper ovunque, dove puoi pagare per pernottare. Mi piacerebbe essere in grado di pagare e poi essere tranquillo che nessuno mi disturberà. Finisco comunque per pagare lo stesso importo in Israele che pagherei all’estero, solo per le multe per il parcheggio. So in anticipo quanto dovrò pagare in multe a settimana, quindi lo metto in preventivo come una delle mie spese. È un po’ come pagare l’affitto. Sarei più felice, però, di avere un modo ufficiale per pagare il parcheggio al Comune invece di accumulare multe, ma non è un grosso problema“.


Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.