Erwin Hymer Group chiude un anno record

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Erwin Hymer Group chiude un anno record

Con un fatturato di 2,7 miliardi di euro, il Gruppo Erwin Hymer ha raggiunto un nuovo record nell’anno fiscale 2020/21 ed è stato in grado di migliorare del 23% il risultato dell’anno precedente.

Anche le consegne di veicoli hanno raggiunto un nuovo record di 65.000 unità.

L’azienda con la propria strategia di sostenibilità intende garantire il suo successo aziendale anche per il futuro.

Il nostro successo si basa sulla possibilità di consentire alle persone di tutto il mondo di vivere esperienze uniche di svago e mobilità“, ha spiegato Martin Brandt, CEO di Erwin Hymer Group (EHG) alla conferenza stampa annuale dell’azienda. “Come dimostrano i nostri dati, siamo riusciti particolarmente bene durante la pandemia. Il caravanning è diventato mainstream nella società. Ora si tratta di garantire la continuità della tendenza verso un turismo rallentato e dolce a lungo termine. Con la nostra strategia di sostenibilità, stiamo percorrendo la strada per un futuro di successo, il presupposto per il quale abiteremo in un ambiente intatto e sano.”

Record di fatturato, vendite unitarie e personale: continui colli di bottiglia nelle consegne di telai

In Europa, il mercato complessivo dei camper e delle caravan ha registrato un aumento significativo del 20,8 percento dal 2019 al 2020. Il Gruppo Erwin Hymer è stato ancora una volta in grado di sovraperformare significativamente questa tendenza positiva nei singoli segmenti.

L’aumento delle cifre ha un impatto sia sulle vendite che sul numero dei dipendenti: le vendite nell’anno fiscale 2020/21, ad esempio, sono state di 2,7 miliardi di euro, in aumento di 500 milioni di euro rispetto all’anno precedente, con una crescita del 23%. Con 8.883 dipendenti alla fine di luglio 2021, il Gruppo Erwin Hymer impiegava più persone, 1.534 in più rispetto all’anno precedente.

Un risultato ancora migliore è stato impedito dalle continue strozzature nell’approvvigionamento di materie prime e materiali, nonché dai problemi nel settore dei trasporti e della logistica, che interessano anche l’industria dei veicoli ricreazionali. Ad esempio, i ritardi nella consegna dei telai continueranno fino al 2022. Ciò influirà sulla produzione nelle sedi EHG a breve e medio termine, in modo che il lavoro a breve termine e gli arresti della produzione potrebbero verificarsi ripetutamente nei prossimi mesi. L’azienda si trova quindi di fronte alla situazione paradossale di avere ordini pieni, ma allo stesso tempo non essere in grado di produrre e consegnare a causa della mancanza di disponibilità di telai. Al fine di attutire questi effetti nel medio termine, sono in corso trattative con possibili ulteriori fornitori.

La pandemia come catalizzatore della tendenza del caravaning

Il caravanning è di moda da anni e la pandemia ha accelerato ulteriormente questo sviluppo. È proprio il bisogno di libertà, flessibilità e autodeterminazione che ha portato a un cambiamento di atteggiamento nei confronti di questo tipo di vacanza ai tempi del coronavirus: secondo il “Master Study Caravans and Motorhomes”, quasi 20 milioni di persone nella sola Germania ora sono coinvolti come turisti itineranti. Il numero di persone che quest’anno ha pianificato una vacanza o un breve viaggio con un camper o una roulotte è aumentato del 44 percento a quasi cinque milioni. Sulla base di un orizzonte di due o tre anni, più di 13 milioni di tedeschi stanno già pensando di provare il caravanning. Non c’è da stupirsi che il numero di veicoli ricreazionali supererà per la prima volta il traguardo di 1,5 milioni quest’anno, a seguito di un flusso costante di nuovi record di immatricolazione.

La Germania come destinazione di vacanza è sempre più in voga: lo studio del turismo dell’ADAC pubblicato di recente mostra che nel 2019 solo il 35 percento dei tedeschi di età superiore ai 18 anni ha trascorso le vacanze nel proprio paese. Per i prossimi tre-cinque anni, tuttavia, l’80% di questo gruppo sta pianificando una vacanza all’interno dei confini della Germania.

Sostenibilità e obiettivi climatici concreti

Per sostenere questo sviluppo a lungo termine, il Gruppo Erwin Hymer sta intensificando i suoi sforzi per un’attività sostenibile. Jan Francke, Chief Operations Officer (COO) del Gruppo Erwin Hymer: “Prendiamo molto seriamente il nostro impegno per una maggiore sostenibilità e responsabilità sociale, perché siamo fermamente convinti che questi fattori alla fine contribuiranno al nostro successo a lungo termine. Possiamo raggiungere l’obiettivo solo se politica, società e industria collaborano, per questo daremo ancora più peso a questo aspetto all’interno del nostro Gruppo e ne faremo uno dei nostri punti strategici. In qualità di leader di mercato nel nostro settore, il nostro obiettivo è essere in prima linea quando si tratta di ridurre le emissioni di CO2 e conservare le risorse“.

La strategia di riduzione della CO2 segue il principio di prevenzione, riduzione e compensazione. Con varie misure, il Gruppo Erwin Hymer è già riuscito a più che dimezzare le proprie emissioni di CO2 negli ultimi due anni. Jan Francke: “Abbiamo un piano chiaro per arrivare al 20% del livello del 2019 entro il 2030”. Lungo la strada, l’azienda supporta progetti di compensazione con elevati standard di qualità. Oltre agli aspetti ecologici, gli aspetti sociali ed economici giocano sempre un ruolo nel processo di selezione.


Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.