da Forbes uno sguardo alla nuova tendenza dei nomadi digitali

da Forbes uno sguardo alla nuova tendenza dei nomadi digitali

di Luca Stella

La transazione post-pandemica ci sta aprendo a un mondo nuovo, dove le professioni non saranno, nella maggior parte dei casi, quelle attuali e dove le aziende hanno intrapreso una guerra alla ricerca di persone di talento.

Questo è quando emerge da un interessante articolo del prestigioso e autorevole periodico Forbes a firma del bravo ed esperto collaboratore senior Jack Kelly.

Kelly ha registrato un dato di fatto, ovvero che il modello di lavoro ibrido è, di fatto, il nuovo standard. I lavoratori saranno in ufficio due o tre giorni alla settimana e lavoreranno in remoto il resto del tempo.

Durante l’epidemia, c’è stata una rapida tendenza emergente di lavoratori che si sono trasferiti in altri paesi, come nomadi digitali. La gente ha iniziato a fare il proprio lavoro in spiaggia o vicino alle piste da sci, mentre la maggior parte ha deciso di trasferirsi in località a basso costo negli Stati Uniti per risparmiare denaro, pur continuando a ricevere la stessa paga.

Allo stesso modo in cui le persone vedono il lavoro a distanza come una riconquista della libertà, c’è stato un movimento in costante crescita di persone che viaggiano negli Stati Uniti nei loro veicoli ricreazionali per lavoro e piacere.

L’Escapees RV Club è una delle comunità di camperisti e caravanisti più grandi e attive al mondo. Il gruppo conta oltre 60.000 membri, circa 100 dipendenti e migliaia di volontari.

Molti membri vivono nel loro camper e nelle loro caravan tutto l’anno, sebbene con comportamenti differenti.

Ecco allora che alcuni di essi viaggiano senza sosta mentre altri possono trascorrere alcune settimane o mesi in un luogo prima di trasferirsi. Il gruppo copre tutte le età, inclusi Millennial, Gen-Xers, Baby Boomers e Greatest Generation.

Un numero in rapida crescita dei suoi membri (citiamo l’articolo di Kelly) “lavora a tempo pieno o part-time dalla strada, facendo qualsiasi cosa, dall’hosting del campo alla scrittura allo sviluppo di software e tutto il resto“. L’organizzazione afferma che è relativamente facile condurre affari in remoto in un camper o in una caravan da qualsiasi luogo si desideri, poiché “le opzioni sofisticate di oggi per Internet consentono di rimanere connessi e lavorare in remoto praticamente da qualsiasi luogo“.

Lascia un commento

*