Airstream non vuole più solo meccaniche Mercedes per i suoi camper

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Airstream non vuole più solo meccaniche Mercedes per i suoi camper

Secondo un rapporto di Business Insider, il famoso produttore di veicoli ricreazionali Airstream ha visto le vendite andare alle stelle, ma anche accumularsi arretrati impressionanti, il tutto non esclusivamente dovuto alla pandemia per il COVID-19.

C’è un problema importante e non sorprendente che gettano ombre su questo chiaro successo di mercato: i problemi della catena di approvvigionamento.

Come altri produttori di camper e di caravan, anche Airstream è stata colpita dalle interruzioni della catena di approvvigionamento a causa della crescente domanda per i suoi veicoli. Ciò ha comportato un aumento dei costi di approvvigionamento, carenza di materiale e, di conseguenza, ritardi nella produzione.
Ritardi di fornitura delle componenti necessarie dovuta certamente alla ripartenza dopo il blocco pandemico ma anche alla decisione dello Stato centrale cinese di togliere gli incentivi all’esportazione di ciò su cui hanno il monopolio mondiale, aumentando di fatto i prezzi in modo vertiginoso.

La cosa più seria che possiamo fare è fornire ai nostri fornitori una previsione di acquisto il più possibile lontana“, ha detto a Business Insider Bob Wheeler, presidente e CEO di Airstream all’inizio di luglio. “Dipendiamo molto dalla nostra base di approvvigionamento per far andare avanti gli affari“.

In mezzo a tutto ciò, Airstream sta anche affrontando problemi di fornitura di telai per camper. Ma a differenza di altre società concorrenti che possono costruire su diversi telai come Ford Transit e Ram Promaster (la versione yankee del Fiat Ducato), Airstream paga l’errore di affidarsi esclusivamente allo Sprinter Mercedes-Benz per i suoi camper.

Quindi, se Airstream non riesce a ottenere i suoi Sprinter, “siamo fuori dal mercato“, ha detto Wheeler.

Ad aprile, Daimler ha tagliato le ore per circa 18.500 dipendenti e ha sospeso la produzione in due stabilimenti tedeschi a causa della carenza di chip per computer, che ha avuto un impatto anche su altre case automobilistiche, ma non su tutte ed è questo il punto nevralgico.

L’attuale ritardo nella consegna del telaio Sprinter ad Airstream, quindi, appare non un incidente isolato: “Diciamo solo che abbiamo avuto abbastanza problemi con il telaio Mercedes Sprinter nel corso degli anni che saremmo sciocchi se non iniziassimo a cercare altre alternative“, ha detto Wheeler.

Di conseguenza, Wheeler afferma che allontanarsi dal telaio Sprinter è “una opzione da non sottovalutare” poiché la società “continua ad avere offerta da parte di un fornitore concorrente alla meccanica tedesca“.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.

Ultime notizie

Editoriale