Adria caravan spopolano anche in Italia

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
grande successo per le caravan Adria Mobil in tutta Europa

adriaUna gran bella notizia che vede protagoniste le caravan Adria ed è di soddisfazione per il costruttore sloveno.

Post Salone del Camper 2016, tempo di bilanci. In tema di roulotte del clamoroso successo di Tabbert nella fascia alta abbiamo già avuto modo di informare. Stesso discorso per su un altro exploit, quello di Eriba, su cui avremo modo di ritornare. Ma adesso agli onori della cronaca sale la gamma roulotte del costruttore sloveno ADRIA Mobil.

Che Adria da sempre sia il costruttore europeo che vende in grandi quantitativi in tutti i continenti è cosa nota. Parimenti è noto il fatto che in Italia ha sempre giocato un ruolo di primissimo piano. I dati non lasciano adito a dubbi. Quei dati rilevati dalla redazione di Newscamp.info presso i principali concessionari della rete vendita. Difatti essi confermano che stanno presidiando in modo perfino imbarazzante (per i concorrenti) la fascia d’ingresso con le Aviva e la fascia media e medio-alta con Altea e Adora.

Una gran bella soddisfazione e la conferma che Adria Italia si sta muovendo anche nel segmento caravan con la metodologia corretta. Una metodologia che ha portato il costruttore sloveno a divenire qualcosa di unico. Unico come l’essere uno dei più importante competitori in ambito continentale e non solo. Giova ricordare come le roulotte e gli autocaravan Adria Mobil e Sun Living si trovano in moltissime nazioni extra-europee. Al lettore basterà pensare a Nuova Zelanda e Australia. Nel continente agli antipodi di quello europeo i prodotti “made in Novo Mesto” registrano da diversi anni un successo sempre più crescente. Un successo che dice molto su questi veicoli ricreazionali buoni sia nei caldi climi spagnoli che in quelli gelidi scandinavi. Ma racconta molto bene anche del successo sempre crescente di queste caravan slovene che nascono nel 1965 proprio per soddisfare il mercato svedese.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.

Ultime notizie

Editoriale