S-Moove non è il Foscolo

S-Moove non è il Foscolo

di Luca Stella

Riflessione tipicamente domenicale, di quelle da mattinale.

Stavo riflettendo su una realizzazione che è stata tra le più gettonate del Salone del Camper, l’S-Moove, figlio del genio di Francesca Carpinello e Massimo Aversa.

In realtà non è un furgonato come si è soliti vedere, non ha nulla dei canoni estetici, stilistici e progettuali dei van, eppure ha sbancato letteralmente a Parma, con centinaia di persone che si accalcavano nel parcheggio della fiera dove era lì, a parcheggiare appunto.

In qualche modo ricorda la “Elegy written in a country churchyard” di Thomas Grey piuttosto che un componimento che in qualche modo, siamo buoni che è Domenica, ne ha preso inconsapevolmente ispirazione, come “I Sepolcri” di Ugo Foscolo.

E’ qui che sta tutta la differenza, perché l’S-Moove è l’Elegia scritta in un cimitero di campagna e non “I Sepolcri”, una bella differenza.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.